Computer da gaming migliori: come scegliere il migliori computer da gioco, prezzi, marche

I computer per giocare sono diversi dagli altri

I computer per giocare non sono macchine come tutte le altre, a partire da qualche piccola differenza estetica. Si tratta di computer che la maggior particolarità ce l’hanno all’interno, ma si distinguono bene anche da fuori. I componenti interni sono fatti per offrire la migliore esperienza di gioco possibile, soprattutto dal punto di vista grafico.

Bisogna riuscire a bilanciare la potenza interna senza puntare esclusivamente alla grafica, perché altrimenti si avrebbe un computer da gaming sbilanciato. Il computer da gioco è formato da tante cose. Cominciamo con il form-factor, ovvero l’aspetto estetico.

Ce ne sono tantissimi e mai più che in questo campo i costruttori amano sbizzarrirsi con le forme più audaci che possono inventare.

Evidentemente anche l’occhio vuole la sua parte e per giocare ci vuole un computer dall’aspetto aggressivo, dinamico e che renda l’idea di quello a cui serve. Naturalmente il form-factor dei computer da gaming è diverso rispetto a quello dei PC domestici normali o dei computer da ufficio.

Abbiamo detto che ci sono diversi fattori di forma e che bisogna fare molta attenzione a rendere equilibrati i componenti interni. Con il gioco si pensa troppo spesso solo ed esclusivamente alla parte grafica ed è un errore. Gli altri componenti devono essere performanti al livello della scheda grafica, altrimenti tutta l’attrezzatura non renderà al massimo durante i giochi più spinti.

Tutti i tipi di computer da gaming

Generalmente la forma dei computer da gaming è piuttosto grande, perché i componenti che stanno dentro sono più potenti e occupano più spazio. Lo spazio serve anche all’aerazione, perché durante le sessioni di gioco più indiavolate si svilupperà sicuramente moltissimo calore che andrà dissipato nella maniera giusta.

Sostanzialmente per giocare ci sono tre tipologie di computer, come del resto per fare tutte le altre cose.

I tre grandi macro gruppi in cui si dividono i computer da gaming sono: computer fisso, computer all in one e notebook. Dal punto di vista delle performance, è indubbio che i computer fissi siano la soluzione migliore, tuttavia hanno alcuni nei che possono infastidire qualcuno. Ad esempio sono molto grandi e ingombrano parecchio, quindi ci vuole una postazione adeguata dove metterli.

Sono in genere vistosi, con illuminazione LED che li rende ancora più evidenti. Sono grandi anche perché le componenti interne si devono poter sostituire con semplicità, dal momento che i gamers più incalliti cambiano continuamente i pezzi dei computer per avere quelli di ultimissima generazione. Ci sono poche viti per smontarli ed è facile per poterli mantenere aggiornati dal punto di vista hardware ma anche software.

Un computer per giocare costa evidentemente molto di più rispetto ad uno tradizionale, ma si può modificare con semplicità cambiando i componenti interni. Essendo voluminosi, hanno naturalmente anche parecchi cavi che devono essere sistemati in maniera intelligente per non creare un groviglio inestricabile che farà disordine e darà fastidio impedendo i movimenti dei piedi.

Esistono dei passacavi molto comodi che vengono spesso usati dai giocatori professionisti per rendere la postazione più ordinata. L’ordine è molto importante per chi gioca, perché deve concentrarsi su ciò che accade nello schermo senza avere cavi che danno fastidio o altri oggetti che distraggano dalla partita.

I computer all in one da gaming

I computer all in one non sono molto diffusi anche perché sono costosi. Sono una via di mezzo tra i computer fissi e quelli portatili anche dal punto di vista dello spazio che occupano, che è certamente meno rispetto a quelli fissi. Non sono flessibili quanto questi ultimi, in quanto tutti i componenti sono integrati in un’unica scocca che contiene anche il monitor.

Si tratta di una soluzione adatta per chi ha poco spazio e desidera una postazione ordinata, senza fili o altri oggetti in circolazione.

Diciamo che è una sorta di compromesso, perché ovviamente l’hardware nei computer all in one per giocare è simile se non identico a quello dei notebook, quindi meno performante dei computer fissi. Bisogna dire che consumano di meno e sono più efficienti dal punto di vista energetico, però sono certamente molto meno performanti rispetto ad un computer desktop.

Nelle ultime generazioni di computer all in one le differenze si sono ridotte, tuttavia rimane il problema dei componenti interni che non si possono cambiare più di tanto. I computer all in one diventano vecchi molto prima, dunque si tratta di un compromesso anche dal punto di vista del budget.

Pur essendo piuttosto costosi, hanno certamente un prezzo inferiore rispetto a certe macchine da guerra in formato desktop. Ed eccoci arrivati all’ultima tipologia di computer per giocare, ovvero quelli portatili.

Giocare con i notebook oggi si può

Questa tendenza è nata ultimamente, un tempo era impensabile giocare con i notebook, ma negli ultimi anni si stanno diffondendo macchine sempre più potenti e performanti in grado di far girare anche gli ultimi titoli. L’hardware montato internamente è migliore rispetto a quello dei computer desktop e sono progettati per riscaldare meno possibile e consumare poco.

Ovviamente hanno una scocca ridotta e la ventilazione deve essere piuttosto elevata per raffreddare i componenti quando si gioca da parecchio tempo a titoli avidi di risorse. Di solito il loro prezzo è superiore rispetto ai sistemi tradizionali, però hanno diversi vantaggi, primo fra tutti la trasportabilità.

Nonostante siano trasportabili sono comunque più pesanti rispetto ai notebook tradizionali, perché hanno un sistema di dissipazione del calore molto potente, con diverse ventole che rendono il peso abbastanza rilevante.

I computer per giocare hanno una scheda grafica dedicata perché puntano soprattutto alla qualità del pannello, dal momento che i componenti interni non si possono sostituire. Se sei sempre in movimento e hai bisogno di un computer portatile, ovvero di un notebook da gaming, devi fare attenzione a sceglierlo di ottima qualità perché non potrai espanderlo. Dovrai fare un investimento notevole se vuoi che ti duri qualche anno.

In un computer da gioco il componente principale è il display

In un computer da gioco il componente principale è il display. Il monitor è integrato sui notebook e sui computer all in one, mentre nei computer fissi va comprato a parte, a meno che non sia incluso in un set completo. Il display è la parte più importante in un computer da gioco, almeno dal punto di vista esterno. Ne esistono di tantissime tipologie, con dimensioni e risoluzioni per tutti i gusti e tutte le tasche.

La dimensione può essere di taglio diverso e naturalmente va scelta in base allo spazio disponibile, tuttavia più è grande e meglio si giocherà.

Bisogna tenere presente che esistono varie tipologie di monitor, compresi quelli curvi e i cosiddetti ultra wide, che hanno un rapporto di 21:9 anziché i classici 16:9. Sono molto più sottili e larghi degli altri e tanti preferiscono questo genere di monitor per giocare. Costano ovviamente molto di più.

Al di là della forma e della dimensione, sulla risoluzione non si può scendere a compromessi e deve essere la più alta possibile in modo da potere giocare e immedesimarsi ancora meglio nell’azione. Lo standard minimo indispensabile è HD, ma non è molto consigliabile per un computer da gioco, dal momento che la risoluzione è di 1280 x 720 pixel oppure di 1366 x 768 pixel.

È decisamente troppo poco, soprattutto per gli ultimi titoli in circolazione.

I tipi di monitor per giocare

Full HD è la risoluzione usata dalla maggior parte dei sistemi da gaming di 1920 x 1080 pixel con varianti rispetto alla forma più o meno allungata. 2K Quad HD è già una risoluzione di fascia alta con i suoi 2560 x 1440 pixel. Si usa con computer di livello alto e per far girare bene le ultime schede grafiche più potenti.

4K Ultra HD è il massimo attualmente in circolazione e corrisponde ad una risoluzione di 3840 x 2160 pixel.

È ancora piuttosto difficile da gestire anche con i computer di ultimissima generazione e si tratta di monitor che puoi gustarti solamente se il resto dell’hardware è di fascia massima. Il miglior compromesso è Full HD o 2K Quad HD. In un monitor da gioco non conta soltanto la risoluzione ma anche il refresh rate, che deve essere molto alto. Quello ordinario è di 60 Hertz, ma per un computer da gaming ci vuole da 120 o 144 Hertz, soprattutto se giochi a titoli molto veloci.

Il tempo di risposta deve essere il più basso possibile e sono molto importanti anche le nuovissime tecnologie nVidia G-Sync e AMD Freesync, che garantiscono immagini fluide e molto veloci, come vogliono gli ultimi games sul mercato.

Il processore comanda tutto il resto

Il monitor è il componente più evidente quando si gioca, ma i pezzi che fanno la differenza sono montati all’interno del case. Il processore è il numero uno e deve essere assolutamente performante per garantire un sistema da gaming degno di tale nome. Attualmente ci sono i processori Intel Core i5, i7 o i9 di ottava e nona generazione, oppure i processori AMD Ryzen.

La potenza della CPU si esprime in gigahertz, quindi quando devi valutarne una considera che abbia più gigahertz possibile.

Un altro componente importante degli ultimi modelli di processore sono i core, ossia le unità di calcolo: più ne hanno meglio è. Calcola che il processore reggerà tutto il resto dei componenti, quindi non badare a spese per questo, dal momento che costa un sacco di soldi e sarà l’ultima cosa che cambierai.

Con un ottimo processore tutto il resto del sistema funziona a meraviglia. L’investimento è di un certo livello, ma non si può risparmiare sul processore se si desidera un computer da gaming di fascia alta.

La scheda grafica

Oltre al processore, un altro componente molto importante è la scheda video che si chiama così sui computer fissi e GPU nei computer all in one o portatili. La GPU è il chip dedicato alla memoria video e rappresenta la componente più importante in un computer per il gioco.

La scheda video determina la rappresentazione grafica del gioco sia a due dimensioni che a tre dimensioni ed a volte è integrata nel processore.

Per un PC da gioco è fortemente sconsigliabile prendere una scheda video integrata nel processore, anche perché la scheda video è proprio uno di quei componenti che viene cambiato più spesso. Ovviamente se è possibile farlo, cioè se il processore è sufficientemente potente da supportare gli ultimi modelli.

Sui notebook o sui computer all in one la scheda video deve essere potentissima perché è molto più difficile se non impossibile cambiarla. Conviene prendere una scheda di ultima generazione perché le schede video cambiano con una certa frequenza: più o meno una volta all’anno ne esce una nuova serie. I marchi migliori sono i soliti più conosciuti Nvidia e AMD Radeon.

Memoria e hard disk di un computer da gaming

Il comparto memorie di un computer da gaming deve essere il più fornito possibile. Innanzitutto c’è la memoria RAM che deve essere di ultima generazione, velocissima e performante per consentire ai giochi di girare comodamente. Considera che i giochi occupano moltissima RAM, quindi non puoi scendere sotto gli 8 gigabyte in un computer, che sia fisso, all in one o notebook.

Con memoria si intende anche la memoria di archiviazione, ovvero il cosiddetto hard disk. Oggi esistono le unità di memoria a stato solido, molto più veloci rispetto agli hard disk magnetici.

Nei computer da gaming di fascia alta di solito c’è un’unità di memoria a stato solido per il sistema operativo, mentre i dati vengono memorizzati su un hard disk meccanico più grande e meno costoso. Le SSD funzionano con piattaforme SATA 3 o NVM su slot PCI Express o in formato M.2.

In un computer da gaming ci vuole un alimentatore potente

Dopo avere elencato i componenti principali di un computer da gaming, vediamo quali sono gli accessori. Non meno importanti del computer stesso, vengono talvolta considerati di meno. Parliamo dell’alimentatore, che deve essere abbastanza potente per riuscire ad alimentare una macchina di tale importanza.

Generalmente per sceglierlo i watt devono essere il doppio rispetto al consumo massimo dei componenti interni del computer. È molto importante anche la scheda audio, perché è fondamentale sentire i rumori da dove provengono specialmente con alcuni titoli di avventura. Di solito i giocatori usano le cuffie, dunque avere una scheda audio multicanale è indispensabile.

Sebbene tendano a scomparire, i drive ottici come lettori di CD e DVD o Blu-ray sono sempre molto utili ed ovviamente devono essere montati in un case che ne abbia lo spazio.

L’audio deve uscire da un sistema di casse idoneo, perché si può giocare anche senza cuffie ed è giusto riuscire a sentire i rumori in maniera realistica anche dagli altoparlanti. Il sistema di altoparlanti deve essere ovviamente minimo di due, ma se ce ne sono di più è meglio.

Considera sempre degli accessori che possono fare comodo come un dissipatore in più per l’alimentatore, perché sarà un componente che diventerà bollente in pochissimo tempo. Il calore è il nemico numero uno dei computer da gaming.

Gli accessori sono importanti

Tastiera e mouse sono importanti, molto più di quanto si possa pensare. Bisogna puntare sicuramente ad una tastiera da gaming, perché con una tradizionale si potranno fare ben pochi titoli con soddisfazione. Il mouse è forse meno rilevante, anche perché oggi si tende a giocare con il gamepad che ha tutti i comandi in poco spazio.

Alcuni titoli però è indispensabile farli con mouse e tastiera e questi componenti devono essere di prima qualità. Le tastiere da gaming sono diverse dalle altre e ovviamente costano di più.

La tastiera va scelta in base ai titoli che preferisci e alle tue abitudini di gioco. Il mondo delle tastiere è veramente molto ampio e si suddivide sostanzialmente tra meccaniche e non meccaniche. La distinzione è molto sommaria ma qui non ci possiamo dilungare in troppi dettagli, quindi sappi solamente che se ami sentire nitidamente il click del tasto devi prendere una tastiera meccanica.

Se vuoi giocare in maniera silenziosa ti occorre una tastiera a membrana. In tutti i casi sono utili le periferiche che hanno la possibilità di registrare macro, ovvero combinazioni di tasti memorizzate sotto un solo pulsante. Riguardo al mouse non c’è molto da dire, a parte la forma ergonomica che deve avere. Alcuni hanno design spaziali molto interessanti, ma dipende dai gusti, anche perché quello che conta in un mouse è la precisione del puntatore.

Quanto costa una postazione da gaming?

Se ami certi titoli particolari come i giochi di corse non sarebbe male acquistare un volante con i relativi accessori quali pedaliera, cambio e magari anche una sedia ergonomica. Ovviamente è un investimento molto importante da fare se hai lo spazio idoneo dove posizionare tutto quanto.

Se ti piacciono i giochi di aerei ti ci vuole un joystick che riproduca la cloche dei veri velivoli da guerra o civili per darti l’impressione di essere il pilota dell’apparecchio. Per queste tipologie di giochi sono ottimi gli schermi curvi che danno una sensazione ancora più realistica delle piste di atterraggio oppure delle piste da corsa o da rally con i giochi di auto.

Naturalmente si può giocare con i titoli di corse o di aerei anche con un normalissimo joystick da pochi soldi oppure con la tastiera e non è indispensabile il display curvo per provare il brivido di volare nei cieli.

Tutto dipende dal budget che hai a disposizione, puoi giocare e allestire una postazione da gaming con pochi soldi e con centinaia di euro. Si può dire che il minimo indispensabile consente qualunque tipo di gioco con delle limitazioni e il massimo non esiste, nel senso che puoi arrivare a spendere migliaia di euro per avere tutti i componenti della postazione da gaming al top.

Al Rey

Ex tecnico hardware e software con studi di ingegneria informatica alle spalle, mi dedico da tempo alla scrittura on-line e sono in procinto di iscrivermi all’Ordine dei Giornalisti. Ho qualche anno di esperienza in diversi settori, ma la tecnologia e l'elettronica sono quelli che preferisco. Mi piace seguire l’evolversi di invenzioni e tenermi aggiornato sull’uscita di nuovi prodotti sul mercato.

Back to top
menu
Migliori Computer Gaming